Vaporizzatore Grasshopper | Recensione vaporizzatore portatile

Vaporizzatore Grasshopper | Recensione vaporizzatore portatile

Il Grasshopper è un vaporizzatore portatile a convezione innovativo, creata da menti geniali, per chi vuole un prodotto piccolo, efficace, ma soprattutto discreto e di ottima fattura con materiali e prestazioni al top.


La scheda Grasshopper

  • Metodo di vaporizzazione: Convezione
  • Puoi vaporizzarci: Erba essiccata
  • Qualità del vapore:
  • Qualità costruttiva:
  • Velocità di riscaldamento: 5 secondi
  • Durata della batteria: 60 minuti
  • Garanzia: A vita


Gli utilizzatori abituali di vaporizzatori lo considerano il top della gamma dei vaporizzatori, tanto che abbandonano i vecchi modelli per avere un nuovo migliore amico: il Grasshopper.

Bastano solo 2 settimane per capire che del grasshopper non si può fare a meno, ma sopratutto ci fa pensare come abbiamo potuto farne a meno fino ad ora! Il Grasshopper viene spedito già carico.

In questo modo può essere utilizzato fin da subito all’arrivo del pacco. I fumatori sanno che la pazienza ha sempre un limite e non dover aspettare di ricaricarla, una volta arrivato il pacco, è davvero importante e senza pari.

Grasshopper | Tempo di riscaldamento

Il vaporizzatore Grasshopper è super rapido nei tempi di riscaldamento, solo 5 secondi per vaporizzare la vostra amata erba. Nonostante i tempi record di riscaldamento è super potente ed efficace.

Grasshopper | Discreto e portatile

Il Grasshopper è il più piccolo e discreto fra i vaporizzatori in commercio. Realizzato con metalli pregiati come il titanio o l’acciaio inox. Veramente un piccolo gioiellino di vaporizzatore da portarsi sempre con se. Lo potrete mettere anche nel taschino della giacca e sembrerà una semplice penna, evitando così le malelingue o problemi.

Lo potete portare anche al lavoro con voi, perchè a l’apparenza di una penna, ma con l’efficacia di un vaporizzatore classico.

Grasshopper | Facile utilizzo

La penna è un innovazione senza pari nel mondo dei vaporizzatori, ma non per questo deve essere difficile da utilizzare. Infatti è molto semplice.

grasshopper vaporizzatore

Praticamente il classico bottone della penna serve ad accendere e spegnere l’unità, mentre un pratico e solido selettore a rotazione posto in cima serve a impostare la temperatura desiderata (notate la qualità della lavorazione del pezzo, nella foto).

Si può regolare la temperatura del vaporizzatore dai 130°C ai 210°C.

Da tenere in considerazione che neanche al massimo della temperatura la vostra erba verrà bruciata o avrete il gusto di bruciato in bocca, questo grazie al metodo di vaporizzazione a convezione.

vaporizzatore grasshopper scatola

La protezione in silicone è visibile nella bustina trasparente.

 

Potete vaporizzare fino a 0,3 grammi per volta nel vostro Grasshopper, direi una quantità discreta considerando le dimensioni del vaporizzatore; bisogna dire che, date le dimensioni, non è proprio la più pratica da riempire.
C’è da dire che l’imboccatura e, in modo meno marcato, anche il resto del vaporizzatore, tende a riscaldarsi un po’ troppo, in quanto di metallo; questo è l’unico difetto riscontrato.
E’ necessario utilizzare sempre la protezione in silicone per l’imboccatura, fornita nella confezione.

Una cosa che il Grasshopper fa molto bene, è sostenere la voracità dei fumatori più accaniti: potete fare dei “tironi” brutali e lui, grazie alla sua potenza, vi asseconderà senza problemi.
Pochi vaporizzatori portatili hanno questa riserva di potenza.

Grasshopper | Durata della batteria

Essendo un prodotto davvero piccolo e non ingombrante non potevamo di certo credere che la batteria durasse tutto il giorno con uso regolare. Infatti se vogliamo farne un utilizzo all’esterno della propria casa, dobbiamo considerare il fatto che il nostro Grasshopper va ricaricato più spesso rispetto ad altri vaporizzatori.

Il led lampeggerà quando la batteria si sta scaricando.
In alternativa possiamo procurarci delle batterie aggiuntive, sempre consigliato, per poterla cambiare al momento del bisogno.

Le batterie di ricambio sono molto utili quando ci troviamo a fare gite nella natura, dove non sempre è disponibile una presa elettrica attaccata all’albero.

La batteria comunque si ricarica in 60 minuti circa.

Da notare invece che, rispetto ai vaporizzatori portatili comuni, il Grasshopper funziona anche sotto carica.

Quindi se lo utilizzate in casa non avrete problemi si sorta.

Grasshopper | La Scelta

Il Grasshopper [info e prezzi] è un piccolo gioiello da portarsi sempre con se, magari con delle batterie aggiuntive.

Potrete portare con voi un  vaporizzatore discreto, elegante ma anche molto potente per essere un modello portatile.Infatti può arrivare fino a 45W, niente male per un prodottino cosi poco ingombrante. 

Si riscalda in un attimo per darvi effetti potenti ed immediati. Una volta provato tornerete indietro, impossibile non farne a meno! Ma lo sapete che è garantito a vita?

Significa solo una cosa: i produttori conoscono molto bene la qualità del prodotto e la soddisfazione elevata degli utilizzatori, quindi non ha paura a garantire questo gioiello di vaporizzatore!

Infine ricordiamo che è uno dei pochi vaporizzatori portatili che funziona con la tecnologia di riscaldamento a convezione.

Buona Vaporizzata!

Vota questo articolo
[Totale: 21]

8 commenti

Andrea Settembre 24, 2018 at 7:33 pm

In effetti ne avrei un altra, hai provato per caso l’IQ micro? Perché vista la differenza di prezzo è una buona alternativa

Reply
ilVaporizzatore
ilVaporizzatore Settembre 24, 2018 at 7:43 pm

Ci dovrebbe arrivare a giorni, è uscito da pochissimo e su vaposhop non è ancora disponibile.
Tutto quello che so per ora è che è più piccolo, ma niente di più.

Reply
Andrea Settembre 24, 2018 at 3:45 pm

Ciao, grazie per le recensioni molto utili! Io mi sto convincendo a comprare il mio primo vaporizzatore e dopo tanta ricerca sono in dubbio tra il DaVinci e il Grasshopper, lo utilizzerei con tabacco(per smettere di fumare) e erbe. Secondo te quale mi conviene comprare?

Reply
ilVaporizzatore
ilVaporizzatore Settembre 24, 2018 at 4:03 pm

Ciao e grazie.
Io ti consiglierei il DaVinci, non fosse altro che di Grasshopper c’è ne sono sempre pochi disponibili.

Reply
Andrea Settembre 24, 2018 at 5:27 pm

Pero a parte la disponibilità, secondo te quale ha la migliore qualità del vapore? Perché in parecchie recensioni dicono che il grasshopper è uno dei migliori e ho visto in un altro articolo che tu ne hai uno e lo usi con il tabacco. mi piacerebbe avere un consiglio da uno che lo utilizza regolarmente.

Reply
ilVaporizzatore
ilVaporizzatore Settembre 24, 2018 at 5:32 pm

Si, io il Grasshopper lo uso regolarmente, ed è un ottimo vaporizzatore.
Anche il DaVinci però lo è, diciamo che sono circa alla pari, sia con le erbe che con il tabacco; probabilmente il DaVinci è un pelo più potente ed ha più autonomia.
Il discorso della disponibilità però non è da sottovalutare, trovare il grasshopper in giro è piuttosto difficile.

Reply
Andrea Settembre 24, 2018 at 5:44 pm

Se mi dici che è anche più potente allora vada per il DaVinci! Grazie mille per il consiglio!

ilVaporizzatore
ilVaporizzatore Settembre 24, 2018 at 5:49 pm

Figurati, se hai altre domande spara pure.

Commenta

Grazie per aver condiviso i nostri contenuti. Ancora un piccolo sforzo e la tua giornata sarà completa!