Vaporizzatore per erba: convezione, conduzione o ibrido. Ecco le differenze.

Vaporizzatore a convezione, conduzione ed ibrido: che differenza c’è?

coduzione convezione vaporizzatore

Al momento, la scelta di  modelli, tecnologie e design nel mondo dei vaporizzatori è talmente vasta che è necessario fare chiarezza su alcuni punti, per capire bene cosa stiamo acquistando.
Una delle cose che più incide sulle prestazioni e che caratterizza un vaporizzatore è sicuramente il tipo di tecnologia utilizzata per creare il vapore: la tecnologia a convezione , la tecnologia a conduzione ed il mix di queste due, che caratterizza i vaporizzatori ibridi.

Andiamo ad analizzare queste due tecnologie un po’ più nel dettaglio, per capire i pro e contro di ognuna.

coduzione convezione vaporizzatoreVAPORIZZATORE A CONDUZIONE

Secondo Wikipedia, la conduzione termica è “la trasmissione di calore che avviene in un mezzo solido, liquido o aeriforme (all’interno di un corpo solo o due corpi tra loro in contatto) dalle zone a temperatura maggiore verso quelle con temperatura minore“; per fare un esempio pratico, un esempio di conduzione termica  si verifica quando appoggiate una bistecca sulla piastra bollente.
In un vaporizzatore a conduzione, il processo  avviene attraverso una sorgente di calore posta nella camera di vaporizzazione, su cui noi appoggiamo direttamente le nostre amate erbe.

Sorgente di calore e sostanza sono quindi in contatto diretto.

PRO

  • Simplicità costruttiva, quindi minori costi
  • Maggiore durata delle batterie
  • Compattezza

CONTRO

  • Qualità del vapore leggermente inferiore
  • Tendenza della camera di vaporizzazione a sporcarsi

Tra i migliori vaporizzatori a conduzione ci sono senza dubbio:

 

Pax 3


Pax 3 recensione

  • Massima discrezione
  • Buona qualità del vapore
  • 10 anni di garanzia

 

DaVinci IQ


  • Qualità del vapore
  • Qualità costruttiva
  • Dimensioni ridotte

 

Boundless CFX


Boundless CFX Vaporizzatore Erba

  • Potenza
  • Volume vapore
  • Durata batteria

 

AirVape X


Airvape X vaporizzatore

  • Dimensioni super compatte
  • Discrezione
  • Design

VAPORIZZATORE A CONVEZIONE

Cominciamo sempre da Wikipedia, secondo cui la convezione “si ha quando un fluido (come l’acqua o l’aria) entra in contatto con un corpo la cui temperatura è maggiore di quella del fluido stesso“.
Tralasciando la descrizione fisica del fenomeno fisico, diciamo che nel nostro caso la convezione si ha quando dell’aria calda, generata dal vaporizzatore, “investe” la nostra cara erba, che è posizionata sopra la fonte di calore stessa.
In questo caso però, la sostanza è appoggiata su una grata che ha il compito di far passare la corrente di aria bollente: sostanza e fonte di calore non si toccano.

Detto questo, chi vuole la qualità del vapore migliore e gustarsi i sapori le sue sostanze stile sommelier, deve assolutamente scegliere un vaporizzatore a convezione.

PRO

  • Qualità del vapore al top
  • Nessun rischio di combustione

CONTRO

  • Dimensioni maggiori
  • Costi alti
  • Maggiore energia utilizzata

Tra i migliori vaporizzatori a convezione ci sono senza dubbio:

 

Volcano


volcano vaporizzatore da tavolo

  • Qualità del vapore al top
  • Qualità costruttiva
  • Disponibile anche con comandi analogici

 

Firefly 2


Firefly 2

  • Qualità del vapore
  • Capacità braciere
  • Potenza

 

Grasshopper


  • Qualità del vapore
  • Batterie estraibili
  • Dimensioni e design

 

Linx Gaia


linx gaia vaporizzatore

  • Flusso del vapore ottimo
  • Qualità costruttiva
  • Rapporto qualità/prezzo

 

PS: tutti i vaporizzatori da tavolo utilizzano la tecnologia a convezione; [qui] trovate la selezione di Vaposhop.it, [qui ] quella di Namastevapes.it.

Qui, invece, trovate la nostra recensione dei migliori vaporizzatori da tavolo.

Infine, tutti i vaporizzatori utilizzati per scopi medici, utilizzano la tecnologia a convezione.

VAPORIZZATORI IBRIDI

Come si  può dedurre dal nome, i vaporizzatori ibridi utilizzano un mix di conduzione e convezione per ottenere il vapore che inaliamo.
Fondamentalmente, cercano di racchiudere in un unico prodotto tutti i PRO delle due tecnologie; ovviamente, anche questi hanno i loro difetti.

PRO

  • Qualità del vapore
  • Riscaldamento veloce
  • Facilità di utilizzo

CONTRO

  • Dimensioni maggiori
  • Maggiore energia utilizzata

Alcuni dei migliori vaporizzatori portatili sono ibridi, tra i quali:

Mighty


  • Qualità del vapore
  • Qualità costruttiva
  • Durata della batteria

 

Crafty


crafty vaporizzatore

  • Qualità del vapore
  • Qualità costruttiva
  • Più portabile rispetto al Mighty

 

Boundless CF Hybrid


  • Qualità del vapore
  • Facilità d’uso
  • Prezzo

 

CONCLUSIONI

Come avete potuto leggere, ogni tecnologia ha i suoi pregi e i suoi difetti; e come molto spesso accade, sarà il tipo di utilizzo che ne farete, ed il vostro budget, che vi indirizzerà sul vaporizzatore perfetto per voi.

Attenzione però a non cadere nell’assumere a prescindere che conduzione  = cattivo vapore, perchè non è così: la stragrande dei vaporizzatori a conduzione sono ottimi prodotti, ed il pericolo di combustione è davvero minimo.

Anche per quanto riguarda il sapore, i dispositivi a conduzione non sono così inferiori rispetto ai modelli a convezione: il problema maggiore insorge alle temperature più alte, nelle quali la differenza si fa un po’ più marcata.

E’ quindi l’ibrido il compromesso migliore? Difficile da dire, però noi crediamo che quando si tratta di pura qualità del vapore, i vaporizzatori a convezione hanno ancora un leggero vantaggio.

Ma come ripetiamo sempre, i fattori che entrano in gioco al momento della scelta sono tanti: durata della batteria, discrezione, portabilità, disponibilità economica.

Buona vaporizzata!

 

Vota questo articolo
[Totale: 44]

Commenta

Grazie per aver condiviso i nostri contenuti. Ancora un piccolo sforzo e la tua giornata sarà completa!