Esiste una temperatura ideale di vaporizzazione? - IlVaporizzatore.com

Esiste una temperatura ideale di vaporizzazione?

L’uso di  diverse temperature nel vaporizzatore darà risultati completamente diversi. Regolando la temperatura, saremo in grado di influenzare l’effetto della marijuana vaporizzata.

Grazie a questo, possiamo regolare gli effetti che l’inalazione porterà alla situazione specifica e ai bisogni individuali. Come cambierà l’effetto della marijuana a seconda della temperatura della sua vaporizzazione? Quale temperatura di vaporizzazione sarà la migliore?

La temperatura è la variabile più importante nel processo di vaporizzazione. Ma in cosa consiste la vaporizzazione della marijuana? In poche parole, comporta l’evaporazione dei cannabinoidi contenuti nelle erbe senza bruciarli. Affinché la vaporizzazione sia possibile, la temperatura deve essere rigorosamente controllata – deve essere sufficientemente alta per evaporare i cannabinoidi e allo stesso tempo non possiamo superare la temperatura dopo la quale il materiale potrebbe bruciarsi. Di quali temperature stiamo parlando?

Affinché i cannabinoidi inizino a evaporare, l’erba deve essere riscaldata ad una temperatura superiore al punto di ebollizione del THC di 157° C.

Tuttavia, ci vuole una temperatura po ‘più alta per rilasciare la quantità necessaria di cannabinoidi – quest’ultima dovrebbe essere almeno di 175° C. All’altro polo abbiamo una temperatura di 230° C – dopo aver sorpassato tale temperatura, l’erba potrebbe iniziare a bruciare. Combinando tutte queste informazioni, è possibile formulare la seguente conclusione: sebbene in teoria la vaporizzazione sia possibile a temperature nell’intervallo di 157-230 ° C, in pratica durante la vaporizzazione le temperature che vengono utilizzata vanno dai 175 ai 230° C.

I dispositivi più economici, non vaporizzano veramente perché le temperature che raggiungono sono troppo alte. Il risultato è la combustione di materiale vegetale e la produzione di fumo nocivo.

Gli effetti della vaporizzazione della marijuana dipenderanno in larga misura dalla temperatura alla quale riscalderemo l’erba. Ad esempio, per ottenere l’effetto di sedazione o calmante, sarà necessario utilizzare una temperatura diversa da quella per ottenere l’effetto analgesico. Queste differenze derivano dalle diverse temperature in cui i singoli cannabinoidi evaporano. Più alta è la temperatura di vaporizzazione, più ampio è lo spettro di cannabinoidi assorbito da noi.

Temperatura di vaporizzazione –  Principi base

Per quanto riguarda la temperatura di vaporizzazione, possiamo indicare alcune regole base. Prima di tutto, temperature più basse si tradurranno in vapore dal gusto eccellente, sarà anche più delicato e meno denso.

L’applicazione di una bassa temperatura di vaporizzazione, all’interno della gamma 175-190° C fornirà un vapore dal sapore e dall’aroma unico, che fornisce solo un effetto moderatamente psicoattivo e sarà relativamente poco visibile – sarà simile ad una nebbia fine.

Questo grande gusto e aroma è il risultato dell’evaporazione dei terpeni – i componenti responsabili del gusto e dell’aroma della marijuana. Alle basse temperature, i terpeni si vaporizzano intensamente, mentre l’evaporazione dei cannabinoidi da sola sarà moderatamente intensa.

Vuoi saperne di più?

Ti interessa un vaporizzatore portatile ma non sai quale segliere?

A sua volta, maggiore è la temperatura che usiamo, più intensa sarà l’evaporazione dei cannabinoidi e maggiore sarà la potenza del vapore. Per quanto riguarda la densità e la quantità di vapore vale la pena notare che il vapore prodotto dal vaporizzatore è costituito quasi esclusivamente da cannabinoidi. Quindi, se usiamo una temperatura più elevata, in cui verranno rilasciati altri, otterremo anche vapore più visibile, il che è importante per molti utenti. Usando temperature superiori ai 200° C, saremo in grado di ottenere davvero un sacco di vapore – può essere così denso che può essere facilmente scambiato per  fumo. Tuttavia, anche il vapore generato ad una temperatura di 230° C sarà incomparabilmente meno dannoso del fumo normale.

Tuttavia, se vogliamo eliminare completamente tutti i composti dannosi dal vapore, è meglio usare temperature leggermente inferiori. In questo caso, il valore limite è di 205° C – dopo che è stato superato, la concentrazione di benzene nel vapore aumenta. Tuttavia, anche a 230° C, questa concentrazione sarà molte volte inferiore rispetto al fumo classico.

Sopra abbiamo detto che ogni cannabinoide evapora ad una temperatura diversa. Maggiore è la temperatura di vaporizzazione, più ampio è lo spettro di cannabinoidi presenti nel vapore.

Ad esempio: il vapore generato a 180° C conterrà THC e CBD, ma il cannabinoide CBN (noto per le sue proprietà sedative) verrà rilasciato solo a temperature superiori ai 185° C. A loro volta, il cannabinoide THCV responsabile dell’effetto euforizzante della marijuana apparirà nel vapore solo quando verrà utilizzata una temperatura di 200° C o leggermente superiore. Naturalmente,sono solo alcuni esempi: i cannabinoidi e i loro effetti sono molto di più. Riassumendo, possiamo dire che utilizzando temperature di vaporizzazione relativamente basse (sotto i 190° C) otterremo un effetto medico (es. Sollievo dal dolore), ma senza un forte effetto psicoattivo.

Per questo motivo, le basse temperature di vaporizzazione sono perfette durante il giorno in cui abbiamo ancora cose da fare. Le alte temperature di vaporizzazione saranno più consigliate di sera, il che ci aiuterà ad addormentarci e dare un effetto calmante alla fine della giornata.

temperatura di vaporizzazione erbe

Quindi esiste una temperatura ideale di vaporizzazione?

Domandare a proposito della migliore temperatura di vaporizzazione è una domanda molto frequente per gli utenti dei vaporizzatori. Gli esperti non sono d’accordo su questo argomento – da un lato, per eliminare completamente tutti i composti dannosi dal vapore, è meglio usare temperature relativamente basse, non superiori ai 205° C.

D’altra parte, anche il vapore generato utilizzando la temperatura intorno ai 230° C sarà incomparabilmente meno dannoso del fumo ordinario, mentre la temperatura più elevata consentirà l’evaporazione di più cannabinoidi, che si tradurrà in un uso più economico dell’erba e effetti più forti  del suo funzionamento.

Uno dei sostenitori dell’uso di temperature più basse è il dott. Ian Mitchell, che lavora presso l’Università della British Columbia a Vancouver. Secondo questo ricercatore, la temperatura nell’intervallo di 175-200° C è più adatta per la vaporizzazione della marijuana – tali temperature consentono l’inalazione di cannabinoidi, eliminando praticamente tutte le sostanze nocive dal vapore.

Il dott. Arno Hazekamp, ​​uno scienziato impiegato come capo del dipartimento di ricerca di Bedrocan, che produce marijuana medica su richiesta del governo olandese, è un sostenitore delle temperature più elevate. Secondo la sua ricerca, la temperatura ideale di vaporizzazione è di 210° C. La temperatura, secondo il dott. Arno Hazekamp, ​​è il perfetto compromesso tra l’estrazione della massima quantità di cannabinoidi dal materiale vegatele e la riduzione della quantità di sostanze indesiderabili che arriverà con il vaporizzatore.

A nostro avviso, le migliori temperature per la vaporizzazione della marijuana sono comprese nell’intervallo tra i 190 e i 205° C. Usando le temperature in questo intervallo, saremo in grado di assumere abbastanza cannabinoidi, ma allo stesso tempo praticamente azzereremo la quantità di composti indesiderati. Usando tali temperature, otterremo anche un vaporecosì freddo che non irriterà le vie respiratorie o la gola.

In conclusione, vale la pena aggiungere che in effetti non c’è una temperatura migliore per la vaporizzazione della marijuana – per ogni utente la temperatura sarà diversa. Certamente, tuttavia, la temperatura di vaporizzazione dovrebbe essere la più adatta agli effetti che desideriamo ottenere con la vaporizzazione, oltre che con le preferenze individuali.

Vale sicuramente la pena dotarsi di un vaporizzatore di alta classe: modelli di vaporizzatori in grado di lavorare a temperature indicate da entrambi i ricercatori citati sono, ad esempio, i vaporizzatori portatili Mighty Vaporizer  o DaVinci IQ, che allo stesso tempo si adattano perfettamente all’estrazione di cannabinoidi contenuti nelle erbe .

Vota questo articolo
[Totale: 10]

2 commenti

Andrea Novembre 2, 2018 at 7:47 pm

Ciao, complimenti per il sito. La temperatura ideale per la vaporizzazione del tabacco qul’è? Cambia se il tabacco è secco o un po’ umido? Grazie.

Reply
ilVaporizzatore
ilVaporizzatore Novembre 3, 2018 at 11:16 am

Ciao e grazie.
Cambia molto se il tabacco è umido o secco.
Puoi leggere tutto su tabacco e vaporizzatori qui.

Reply

Commenta

Grazie per aver condiviso i nostri contenuti. Ancora un piccolo sforzo e la tua giornata sarà completa!